COMUNICAZIONE DEL COMITATO ITALIANO GAS – CIG

ESITO DELLA SEDUTA DI GARA DEL 4 NOVEMBRE 2013
GARA DI APPALTO PER L’AFFIDAMENTO DI SERVIZI DI ASSICURAZIONE
IN FAVORE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS EX DELIBERA 191/2013 DI AEEG
CODICE AVCP CIG: 5227616D2E


La Stazione Appaltante CIG rende noto che, secondo quanto previsto dal disciplinare di gara per l’appalto in oggetto, in data 4 novembre 2013, alle ore 15:00 presso la sede del CIG in via Larga 2, Milano, si è tenuta la seduta di gara per l’apertura delle offerte pervenute.

Alla data del 31 ottobre 2013, ore 12:30, termine ultimo per la presentazione delle offerte, risultavano pervenute tre offerte da parte di Compagnie di Assicurazione e precisamente, nell’ordine di ricevimento, da parte di: Società Cattolica di Assicurazione, Generali Italia S.p.A., Unipol Assicurazioni.
La Commissione Aggiudicatrice del CIG era composta da: Ing. Michele Ronchi, Direttore Generale delegato del CIG, Presidente della Commissione e Responsabile del procedimento, Cap. Francesco Castorina, Direttore Tecnico del CIG e Sig.ra Raffaella Seminari, dipendente del CIG. Erano inoltre presenti: Dott.ssa Lorenza Bertoni di AON, Broker che assiste il CIG, due rappresentanti di Unipol Assicurazioni e un rappresentante di Società Cattolica di Assicurazione.

Riscontrata la completezza della documentazione amministrativa e la rispondenza delle offerte alle prescrizioni di cui al disciplinare e al capitolato speciale di gara, la Commissione Aggiudicatrice ha provveduto a elaborare la graduatoria delle offerte di merito tecnico e di merito economico. L’aggiudicazione provvisoria (in attesa dell’esecuzione delle attività post gara e del completamento della documentazione necessaria) è stata effettuata sulla base del criterio dell’Offerta Economicamente più vantaggiosa, per la quale è risultata vincente l’offerta sottoposta da UNIPOL ASSICURAZIONI con uno scoring complessivo di 100/100.

Ai link sotto indicati sono disponibili il Verbale della Seduta di Gara e il riepilogo della valutazione delle offerte pervenute.

A titolo di completezza si ricorda che l’affidamento è avvenuto mediante gara “ristretta” col criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa e che avevano manifestato interesse a sottomettere offerte le seguenti otto Compagnie di Assicurazione che sono state conseguentemente invitate a partecipare alla gara e alle quali è stato reso disponibile la relativa documentazione (Capitolato, Disciplinare, Modelli per la presentazione delle Offerte, Statistiche): Unipol Assicurazioni, Società Cattolica di Assicurazione, Generali Italia S.p.A., QBE Insurance Europe Ltd, Gruppo ITAS Assicurazioni, AIG Europe Limited, Reale Mutua Assicurazioni, Lloyd’s.


Verbale della Seduta di Gara


Riepilogo della valutazione delle offerte pervenute

AVVISO URGENTE

Si porta a conoscenza delle Società interessate a presentare una offerta che, a seguito del ricevimento da parte di questa Stazione Appaltante di richieste di chiarimenti sulle modalità di presentazione dell’offerta economica, viene CANCELLATO il vincolo di cui al primo capoverso di pagina 5 del modello scheda di offerta economica e precisamente “il valore offerto dovrà essere espresso con un numero di cifre decimali dopo la virgola pari a due (due); nel caso in cui tale valore dovesse essere espresso con un numero di cifre decimali dopo la virgola superiore a due (due), saranno considerate esclusivamente le prime 2 (due) cifre decimali dopo la virgola, senza procedere ad alcun arrotondamento”.

PERTANTO I CONCORRENTI POSSONO PROPORRE OFFERTE ECONOMICHE CON UN NUMERO QUALSIVOGLIA DI CIFRE DECIMALI SIA PER I PREMI UNITARI OFFERTI PER LE SINGOLE SEZIONI SIA PER IL PREMIO UNITARIO TOTALE. FERME RESTANDO TUTTE LE ALTRE PRESCRIZIONI.

GARA D’APPALTO INDETTA DAL CIG PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSICURAZIONE IN FAVORE DEI CLIENTI FINALI CIVILI DEL GAS – COCICE AVCP CIG 5227616D2E: INFORMAZIONI PER I CONCORRENTI INVITATI A SOTTOPORRE UNA OFFERTA

Si porta a conoscenza delle Società interessate che questa Stazione Appaltante al momento ha ricevuto due richieste di chiarimenti da parte di due Società qualificate per la sottomissione di offerta, alle quali sono state fornite le risposte riportate nel seguito.

Quesito n. 1:
Una Società ha interpellato la Stazione Appaltante in merito all’applicabilità al Capitolato speciale di gara dell’Art. 115 del D. Lgs. 163/2006 e dell’Art. 1664 comma 1 del c.c.
A tale quesito questa Stazione Appaltante ha fornito la seguente risposta:

“A giudizio di questa Stazione Appaltante le disposizioni di cui ai richiamati articoli si applicano a fattispecie contrattuali per le quali il “costo” di una prestazione sia rilevabile e traducibile, mediante l’applicazione di una apposita procedura, in valori standard. Tali valori standard vanno utilizzati al fine di valutare la congruità dei compensi previsti in sede contrattuale nei confronti del prestatore della fornitura. Si applicano in modo particolare al settore dei lavori pubblici e più in generale della fornitura di materiali.

Il “prezzo” del servizio, che nell’ambito assicurativo si traduce in “premio” è il risultato di componenti tecnici specifici e della valutazione del profilo del rischio assicurato: tale valutazione è opportunamente regolamentata dalle disposizioni di cui agli Articoli 1893 comma 2, 1897, 1898 comma 3 e 5, 1926 comma 2 del codice civile che pertanto, relativamente a tale tematica, prevale sul codice degli appalti.”

Quesito n. 2:
Una Società ha interpellato la Stazione Appaltante in merito alla seguente questione: “Visto che l’art. 37, comma 12 del D.Lgs. 163/2006 ammette il concorrente invitato singolarmente a presentare l’offerta in qualità di capogruppo mandatario di un raggruppamento temporaneo con altri soggetti (naturalmente anche non prequalificati), si chiede di confermare che tale previsione sia applicabile anche in caso di coassicurazione e quindi di confermare la possibilità del concorrente prequalificato singolarmente di presentare offerta come delegatario di altre imprese in coassicurazione (nel rispetto delle percentuali di sottoscrizione del rischio previste dai documenti di gara per tale forma di partecipazione).”

A tale quesito questa Stazione Appaltante ha fornito la seguente risposta:

“In relazione al quesito postoci dalla Vostra spett. Società, questa Stazione Appaltante ritiene ammissibile la possibilità per il concorrente qualificato come singolo di presentare offerta in coassicurazione nel rispetto di quanto previsto nella lex specialis e nella normativa applicabile.”

Quesito n. 3:
Una Società ha interpellato la Stazione Appaltante in merito alla seguente questione: “E’ ammissibile che una Società qualificatasi come impresa singola possa presentare una offerta in coassicurazione nella quale la ripartizione del rischio avvenga in modalità “verticale” e non “orizzontale”? In altri termini è ammissibile una offerta in cui la impresa delegataria assuma i rischi per alcune sezioni e un’altra impresa in coassicurazione per altre sezione del capitolato?

A tale quesito questa Stazione Appaltante ha fornito la seguente risposta:

“In relazione al quesito postoci dalla Vostra spett. Società, questa Stazione Appaltante ha già chiarito (cfr. Quesito n.2) l’ammissibilità di offerte in coassicurazione da parte di imprese già qualificate e invitate nella modalità di impresa singola. Per quanto attiene la ripartizione del rischio, l’ultimo paragrafo a pag. 10 del Disciplinare di Gara stabilisce che, a proposito dell’offerta economica, “In caso di R.T.I. o Coassicurazione nella scheda di “Offerta Economica” – come peraltro ivi previsto – dovranno essere chiaramente specificate le parti di servizio e/o la percentuale di quota di rischio in capo ad ogni Impresa raggruppata/raggruppanda/coassicurata”. Pertanto, si ritiene ammissibile la ripartizione del rischio “verticale” mediante l’indicazione di parti di servizio, a condizione che l’impresa già qualificata e invitata presenti una offerta in qualità di delegataria in coassicurazione con altre imprese e che la ripartizione “verticale” del rischio preveda la copertura del 100% dei rischi associati a tutte le sezioni della polizza. L’impresa delegataria sarà responsabile della gestione della polizza, interfaccia unica con la Stazione Appaltante, e responsabile, tra l’altro, del conseguimento dei target gestionali indicati nel capitolato, anche ai fini di una eventuale applicazione delle penali previste, nonché ai fini dell’erogazione del premio e della gestione delle clausole di profit-sharing.

Quesito n. 4:
Una Società ha interpellato la Stazione Appaltante in merito ad alcune questioni attinenti l’Articolo 9 del Capitolato speciale di gara, alle quali sono state date le risposte riportate nel seguito.

  1. Si chiede di conoscere se il termine di 45 giorni per la liquidazione dei risarcimenti previsto dall’art. 9 punto a) sia applicabile anche al settore responsabilità civile, soprattutto in relazione ai sinistri per i quali si sia instaurato un contenzioso giudiziale, o comunque per i quali, al di là della valutazione presumibile dell’importo del danno, la sussistenza della responsabilità dell’assicurato sia stata contestata dalla Società o sia in corso di accertamento. Si chiede inoltre di conoscere da quando dovrebbe decorrere tale termine per il settore r.c. in caso di sinistri con danni a persone.
    L’Articolo 9 si colloca nella prima parte del contratto di polizza denominato “Norme che regolano l’assicurazione in generale” e quindi si intende applicabile a tutte le sezioni del contratto, inclusa la sezione RCT.
    Il termine di 45 giorni per la liquidazione dei risarcimenti/indennizzi previsto dall’art. 9 punto a) decorre dalla data dell’avvenuto accordo tra Società e Assicurato/Danneggiato sul quantum indennizzabile/risarcibile. Quindi a valle della risoluzione di qualsivoglia problema inerente l’accertamento delle responsabilità e di ogni eventuale contestazione. Nello specifico dell’ultima parte della Vostra richiesta, il termine in caso di RCT con danni a persone, decorre esattamente come nel caso di danni diretti a persone che siano Assicurate con la sezione incendio (dall’avvenuta quantificazione del livello di invalidità previa stabilizzazione dei postumi invalidanti, o, in caso di decesso, dall’avvenuto riconoscimento alla titolarità del diritto da parte del richiedente, previo accordo con l’interessato sul quantum). I comma b) e c) del medesimo articolo chiariscono il ruolo del CIG, al fine di assicurare, fermi restando gli obblighi di legge e contrattuali, una per quanto possibile celere chiusura delle pratiche con liquidazione del dovuto: il CIG, in qualità di contraente di una polizza di tipo “in nome e per conto” degli utenti finali non entra nel merito delle relazioni giuridiche tra le parti, ma si limita a sorvegliare, intervenendo se il caso, e solo per eccezioni, la corretta applicazione delle previsioni del contratto.
  2. Si chiede di conoscere se quanto previsto dall’art. 9 punto d) relativamente ai target di pagamento dei sinistri sia applicabile anche in relazione a sinistri r.c. in contenzioso o con contestazione della responsabilità da parte della società.
    I sinistri in contenzioso o per i quali sia contestata la responsabilità da parte della Società non concorreranno al conteggio del target previsto dall’art. 9 punto d, sempre che la posizione della Società sia tempestivamente, oggettivamente e ampiamente “giustificata” alla Contraente. Inoltre il CIG si riserva di vigilare sulla numerosità e sulla frequenza delle contestazioni, anche operando verifiche dirette con gli Assicurati/Danneggiati, adeguando di conseguenza le proprie valutazioni sui montanti delle cifre pagate e riservate che concorrono alla definizione dei target di cui al comma d) dell’Articolo 9.
  3. Si chiede di conoscere se la previsione dell’art. 21 in merito all’erogazione al terzo danneggiato di un anticipo sul risarcimento sia applicabile anche in caso di citazione o in caso di contestazione della responsabilità.
    L’anticipo indennizzi previsto dall’art. 21 sarà erogato a fronte dell’importo di danno “…. presumibilmente liquidabile….” e, come tale, per un danno relativamente al quale non siano sorte contestazioni di alcun genere. Vale in ogni caso quanto indicato punto 2.

E’ doveroso un commento generale conclusivo: il CIG, d’intesa con l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, ritiene che la Società titolare della polizza debba opportunamente considerare, ai fini della gestione delle pratiche di sinistro, le finalità sociali della polizza e quindi provvedere con relativa celerità a finalizzare i relativi iter e a provvedere alla liquidazione dei danni, tenuto conto delle complicazioni giudiziarie eventualmente presenti. Il CIG ed AEEG ritengono che i premi proposti siano ampiamente sufficienti a garantire un adeguato margine alle compagnie in relazione ai rischi assunti. Di conseguenza i tempi intercorrenti tra l’atto di presentazione del modulo di denuncia del sinistro e l’atto di liquidazione del danno indennizzabile/risarcibile, dovrebbero essere influenzati essenzialmente dai tempi tecnici richiesti per l’accertamento delle responsabilità, l’elaborazione delle perizie, per la stabilizzazione dei postumi invalidanti e per gli eventuali iter giudiziari, limitando per quanto possibile ogni altro tipo di controversia.

FAC SIMILE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE/DICHIARAZIONE DI REQUISITI PER APPALTO ASSICURAZIONE, CODICE AVCP CIG 5227616D26, SCADENZA RICEVIMENTO DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE 2 SETTEMBRE 2013 ORE 12:30